Benvenuti su Una come tante

Questo è un blog come tanti, un pò banale, un pò complesso. Un pò cinico e un pò sognatore. Un pò romantico e un pò grezzo.

Il blog ha tre anime.

La prima sezione, la Soffitta, contiene racconti brevi di dubbia ispirazione e bontà. Ma li ho scritti, tanto vale.

La seconda sezione, la Truffa, contiene alcune poesie. Altre ve le risparmierò, o forse no, comunque ne ho più di duecento, quindi per un pò ne avrete sicuramente.

La terza sezione, le Storture, è quella che spero di trascurare di più. Contiene sproloqui pseudo filosofici, massime di vita, tentativi di raggiungere la maestria del mio idolo Fabio Volo. Nella speranza di potermi spanciare un giorno, tra i caffè di tutto il mondo, e dettare a qualcuno le prime stronzate che mi vengono in mente.
Ovviamente, è una burla.

Leggete, commentate se vi va, i pareri e le critiche sono ben accetti. Anzi mi fate un piacere perchè non mi è mai piaciuto parlare da sola.

30 risposte a Benvenuti su Una come tante

  1. tramedipensieri ha detto:

    Eccomi…ora ci sono anch’io!
    ciao
    .marta

  2. Daniele ha detto:

    Una curiosità: perché Soffitta, Truffa e Storture? Detta meglio: perché hai scelto proprio QUELLE parole?

    • Erika Giambattista ha detto:

      Bella domanda!
      La Soffitta si chiama così perché è uno di quei terreni misteriosi che fin da bambina mi hanno attratta, in cui spesso andavo per cercare storie rovistando tra vecchi mobili o valigie, o libri. E’ il posto in cui ora, metaforicamente, metto i miei racconti.
      La Truffa è sinonimo di poesia per De Gregori, che canta ne “Le storie di ieri”: “I poeti, che brutte creature, ogni parola che dicono è una truffa”. Io preferisco la versione di De Andrè che dice “I poeti, che strane creature”, però :) La poesia ha questo aspetto della molteplicità del senso che varia in base all’interpretazione che se ne da, per questo la considero abbastanza ambigua per definizione: a meno che non sia spiegata dall’autore stesso, il senso vero, la sensazione che si vuole trasmettere è spesso diversa da quella che si riceve.
      E infine Storture, la sezione che devo ancora capire come riempire, riguarda gli aspetti della realtà che non mi tornano, che voglio andare ad analizzare, smontare e rimontare ottenendo infine qualcosa di ancora più storto, magari.

  3. davidewriter ha detto:

    Un’ottima presentazio!!! Brillante come la tua scrittura!!! Ti seguirò con piacere! ;)

  4. elinepal ha detto:

    eccomi qua, ora inizio a fare un po’ di giri tra soffitta e cantina…..

  5. masticone ha detto:

    tu non sei come tante….
    sallo

  6. dammicinqueminuti ha detto:

    Sento che qui troverò qualcosa di diverso.
    Grazie per il follow.
    A.

  7. r. ha detto:

    E vabbè, m’hai convinto. Poi torno, eh!

  8. zeusstamina ha detto:

    Neanche a me è mai piaciuto parlare da solo, soprattutto perché le risposte che mi do non sono di mio gradimento :)
    Ah, e hai il mio follow, questo è sicuro.

  9. Amor et Omnia ha detto:

    alcune persone hanno il dono di saper tradurre e cesellare pensieri in parole facendoli diventare tanto immediati da sentirli addosso come propri… non ho ancora spulciato i tuoi archivi ma mi pare che tu quel dono lo abbia davvero e verrò a sbirciare … buon cammino. Antonia

  10. Danilo Battistelli ha detto:

    bello il titolo me piace !?!?!? forte, ti seguo anche io #collegapoeta ;D

  11. carmelocaldone ha detto:

    è un onore seguirti.
    con stima
    Carmelo caldone

  12. Jacopo Marocco ha detto:

    Ciao Erika,
    ho nominato il tuo blog al Liebster Award (http://jacopomarocco.wordpress.com/2014/02/15/nomination-liebster-award/): sicuramente già sai di cosa si tratta, in ogni caso è tutto spiegato nel post.
    Ciao
    Jacopo

  13. paroleirrilevanti ha detto:

    Ciao, bellissima presentazione buona fortuna!

  14. lechoes ha detto:

    Davvero bellissimo blog, ho letto già un po’ di cose molto interessanti!
    Un Saluto
    E.

  15. Se c’è una cosa adoro sone le soffitte: troppa polvere, troppi ricordi, troppa nostalgia, troppa voglia di sedersi e sognare. Non uscirei mai dalle soffitte, neanche dalla tua.
    (ecco, non farti illusioni, non sono assolutamente serio come voglio far credere, perciò nei prossimi commenti dirò sicuramente qualche fesseria…preparati).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...