Volere & Potere

Il bello è quando vuoi quello che puoi, e puoi quello che vuoi.
Il gusto di far coincidere le due cose è impareggiabile.
Ti rendi conto di percorrere una strada che rientra sia nelle tue possibilità che nei tuoi desideri. Se sai quello che vuoi però, può succedere anche che diventi tutto più difficile in questo mondo.
Perché sai cosa ti è affine, sai cosa ti soddisfa, sai chi sei tu. E vai dritto per la tua strada, e vedi il traguardo, conosci il tuo obiettivo: qualsiasi cosa si metta in mezzo, è vista semplicemente come un’ingiustizia. Poca clemenza per il caso avverso.
“Volersi”, se inteso come dover volere qualcosa che potrebbe potenzialmente essere, è semplicemente una costrizione a deviare da quella strada. Tutti potremmo “volerci”  un potere. Possiamo costringerci ad essere quello che non siamo, a fare ciò che non ci rappresenta, ad adottare un punto di vista che non ci appartiene.
E’ utile a noi stessi? Lo è provvisoriamente, in vista di un fine intermedio, ma non sicuramente di uno scopo più ampio di realizzazione delle nostre, personali, singolari e uniche possibilità.
E’ dannoso se si protrae e spazza via l’obiettivo primario. Ci ritroveremmo a smarrire il senso stesso del nostro potere. Seguiremmo quel dovere travestito da potere, perché una volta messo da parte il volere vero resterebbe ben poco. Se non il sollievo di non dover rendere conto a qualcuno del rifiuto di quel potere.

Molti vogliono ma non possono, ma a volte si sopravvaluta troppo il potere inteso come disposizione di mezzi. Un mezzo ti porta da una sola parte, lo guidi tu, certo, ma è un biglietto senza ritorno. E se ti porta dove non vuoi? Se te ne accorgi subito, puoi abbandonarlo in corsa. Altrimenti arrivi e non ti riconosci.
Quello che puoi non è sempre quello che vuoi.
Se invece intendiamo per “volersi un potere” andarlo a cercare, costruire, guadagnare; questo fa parte delle scelte.

A volte non è possibile semplicemente ascoltarsi e seguire se stessi. A volte c’è bisogno di guardare a fondo le implicazioni di certe decisioni. Almeno, è un obbligo che nasce da dentro e non è imposto da fuori. E’ un dovere personale, qualcosa che renderà, o almeno dovrebbe, rendere la nostra vita diversa in senso migliore. Dovrà darci qualcosa. L’importante è che alla fine di questo percorso, almeno in parte si abbia ciò che si vuole, perché si è potuto. E si è voluto potere.
Tuttavia penso che il poter volere sia più importante. Quelli che comunemente si chiamano sogni. O aspirazioni. Se la tua vista resterà ferma sui desideri, allora sarai salvo. A prescindere. Saprai cosa ti muove, e perché.

Saprai sentire i brividi dell’anima che sussulta. Saprai andare avanti con qualcosa nel cuore. Porsi uno scopo, darsi un senso al di sopra di quello che materialmente si fa. Non abbandonarsi alla frustrazione, sapere che c’è altro da rincorrere. Non sentirsi mai arrivati, non cedere alla stabilità. Lo spirito dell’uomo vive nella voglia di esperienze nuove.
Il rischio, se devi voler potere ciò che non vuoi, è non poter volere ciò che vuoi.

Unire dovere, volere e potere forse è la chiave. Bisogna accettare il dovere come parte di un binario da cui non si può deragliare, quello del proprio bene. Ed è sicuramente la posizione più difficile, meno naturale da mantenere. Se così non fosse saremmo liberi tutti.
Volere dover volere. Ma dobbiamo riuscire ad essere liberi dal nostro dover essere, per essere noi stessi. Viverlo come qualcosa che non esprime noi stessi ma il nostro ruolo, il nostro status, un posto acquisito in un mondo che ha bisogno di mettere gli uomini dentro schemi e caselle. A volte è inevitabile.
Quando coincidiamo con noi stessi, allora davvero abbiamo trovato il nostro posto.
Ma quando si rinuncia a una parte di se stessi, si perde sempre qualcosa e non si trova mai nulla di altrettanto pieno, totalizzante, gratificante. Meglio sforzarsi e impegnarsi per un pò, piuttosto che nascondersi e negarsi a vita.

Questa voce è stata pubblicata in Storture e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...