Il mondo fa troppo rumore

Lei gridava e imprecava
e offendeva Dio fino all’esaurimento.

“Per favore, ti prego,
fallo smettere, non lo sopporto più!”
“Cos’è, amore, che ti infastidisce
a tal punto?”
“Quell’uomo
quell’uomo seduto da solo
vicino alla porta,
che continua a battere con il piede
e gli stivali pesanti
sul pavimento di legno.”
“Posso farlo smettere per te,
se vuoi,
posso andare da lui
e sparargli.”
“Sì, sì, qualsiasi cosa!
Ma per favore fallo smettere.”

Lui andò da quell’uomo
e gli sparò un colpo in testa.

Ed ecco che lei ricominciava di nuovo,
un paio di giorni dopo:

“Per favore, ti prego,
falla smettere subito!”
“Cos’è, amore, che ti infastidisce
a tal punto?”
“Quella donna che parla al telefono
Discute problemi di soldi e litiga e
mi dà così tanto fastidio!”
“Posso farla smettere per te
se vuoi,
posso andare lì e ucciderla.”
“Sì, fai quello che serve.”

Lui andò dalla donna
e la pugnalò al petto.

“Per favore, ti prego,
fallo smettere!”
“Cosa c’è adesso, amore?”
“Quell’uomo,
ha il respiro troppo pesante
e mi sta fissando da un pò
e i suoi occhi sono pieni di dolore.”
“Andrò da lui e lo farò smettere per te,
amore.”

Andò dall’uomo e gli spezzò il collo.

Lei era molto sensibile al dolore e ne soffriva
e lui voleva assolutamente proteggerla.

“Per favore, ti prego,
fallo smettere!”
“Cos’è, amore, che ti infastidisce
a tal punto?”
“Quel bambino, amore mio,
quel bambino piange troppo forte!”

Lui sì voltò verso il bambino,
era tra le braccia della madre.
Si avvicinò a loro e le disse:

“Per favore, dia da mangiare a suo figlio
gli cambi il pannolino,
o lo porti da qualche altra parte
dove si sentirà al sicuro.”

La donna e il bambino se ne andarono.

La coppia si diresse verso casa
senza dire una parola per tutto il tempo.
Guardarono un film,
una commedia senza impegno,
poi lei si addormentò.

Lui andò in bagno
prese un ago e
si bucò i timpani.

E mentre il sangue gli scorreva
dalle orecchie lungo il volto
sentì il suono del dolore,
del dolore che andava via.

Pose l’ago e la pistola sul tavolo
e scrisse una nota
per la sua amata.

“Non ti sentirò più
gridare per il dolore
quando senti il dolore intorno a te.
Fa parte della vita
accettalo
o scegli di diventare sorda.”

Questa voce è stata pubblicata in Soffitta e contrassegnata con , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...